Museo Salvatore Ferragamo

“La sostenibilità non è un punto di arrivo. C’è sempre qualcosa in più che può essere fatto. La sostenibilità è un impegno costante: un obiettivo ideale per il quale lottare ogni giorno. La mia responsabilità come designer è quella di guardare alle cose con una prospettiva diversa, cercando soluzioni creative e innovative ai problemi di oggi. Un’opzione è quella di usare risorse che sono già disponibili invece di crearne delle nuove. E’ per questo che io utilizzo scarti di pelle per realizzare i miei pezzi, rispettando la vita che ci ha regalato quel materiale e proteggendo l’ambiente che è stato impattato durante il processo di concia. Io credo che la bellezza derivi dalla natura e ci guidi verso il bene. Artemisia è un tributo a queste tre forze. Fiorisce dal terreno, per abbracciare dolcemente una donna, il grembo dell’amore e della vita. Grazie al modo in cui è tagliata la pelle, il vestito si adatta alla bellezza del corpo femminile, facendola sentire la donna protetta e sicura di sè. Sotto le sembianze di un albero dorato un mucchio di pelle dimenticata è riportato alla vita sul corpo di una donna.”